Il casatiello rustico di Pasqua con lievito madre

Tipico della Pasqua napoletana, il casatiello rustico è una antica e tradizionale ciambella che si distingue dal tortano per le uova intere con il loro guscio messe sulla pasta.
Nella tradizione si mangerebbe il giorno di Pasqua, o perlomeno quando, come si dice “si scioglie la Gloria”, quando cioè risorge Gesù e per festeggiare, si mangia.Perciò appena le campane suonano a festa, si corre a mangiare il Casatiello.
Nulla vieta di mangiarlo anche in altri giorni dell’anno, data la sua bontà.

INGREDIENTI:
500 gr di farina (250 gr 00 + 250 gr di semola di grano duro)
200 ml di acqua
250 gr di lievito naturale
350 gr di sugna
200 gr di formaggio piccante
200 gr di prosciutto cotto
200 gr di prosciutto crudo
100 gr di pecorino romano grattugiato
100 gr di grana grattugiato
sale
pepe abbondante
2 o 4 uova crude

[banner]

PROCEDIMENTO
Impastate la farina, il lievito, il sale, un po’ di pepe, un po’ di sugna, un po’ di pecorino e lasciate l’impasto un po’ appiccicoso. Mettete in una ciotola coperta, al riparo da spifferi per 12 ore. Riprendete l’impasto, rilavoratelo aggiungendo altra farina e rimettetelo a crescere per 24 ore. Prendete l’impasto, tenete da parte un pezzetto, il resto stendetelo su di un tavolo da lavoro l’impasto, dandogli una forma a rettangolo. Ricopritelo di tutto il resto del pecorino, tutto il grana, tutto il pepe e i salumi tagliati a pezzettini piccoli e cominciate ad arrotolare il lato corto del rettangolo, mettendo su ogni piega dei fiocchetti di sugna.

Continuate formando come un filone di pane. A questo punto prendete la teglia con la parte chiusa al centro, se non la avete prendete una teglia normale e mettete un barattolo al centro.

Sistemate il filone di casatiello nella teglia a forma di ciambella, con il palmo della mano chiuso a pugno , in 2 o 4 punti fate un fossetto nella ciambella dove poggerete le uova crude con delicatezza e le ricoprirete con una X fatta con la pasta che avevate tenuto da parte. Ricoprite tutto con degli altri fiocchetti di sugna e fate lievitare altre 8 ore

Trascorso il tempo, fate preriscaldare il forno a 180°, mettete la teglia nella parte centrale del forno, cottura sopra e sotto, forno statico e cuocete per circa 50-60 minuti. Il casatiello dovrà avere sopra una crosta croccante come il pane. Sfornatelo, fatelo raffreddare 1-2 ore. Va mangiato tiepido.
Io l’ho mangiato bevendo un vino rosso splendido, un Aglianico del Taburno del 1999.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta frittate-e-torte-salate-per-pasqua
del forum di GIALLO ZAFFERANO

[banner]

Print Friendly, PDF & Email
Share

9 commenti

  1. Ma lo sai che sta la signora di fronte che puntualmente lo fa il sabato sera? Contrariamente a noi che invece facciamo le pizze in tutti i modi possibili e inimmaginabili e ogni tanto… facciamo a cambio 😀 ha ha ha! Dici bene che non lo si fa solo a Pasqua, è una faticata, ma ce vo!!!!! 😀 bravissima, hai rispettato alla grande la tradizione! Un abbraccio e buona settimana :-*

  2. ricettedirossana

    Grazie Giova. Tutti i sabati?E il fegato + colesterolo? Io così lo faccio a Pasqua e in qualche occasione tipo riunione familiare galattica….Ciaoooooooooooooo

    • ricettedirossana

      Ciao, si mette l’acqua!Circa 200-250 ml di acqua su 500 di farina se usi il lievito di birra. Se usi il lievito naturale (quello liquido) metti un po’ meno acqua. Magari se necessario l’aggiungi. Grazie della segnalazione, e buona Pasqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*