16 commenti

  1. ma che idea geniale! Rossana sei mitica!! ora che abito in montagna, ho a disposizione una casetta di legno dove ci mettiamo la legna e le conserve… un posto fresco ottimo per essiccare e fare i salumi! 🙂 (se non se li mangia il cane ahahah anche da appesi 🙂 ). La lonza di maiale è uguale all’arista? Grazie tesoro!

    • ricettedirossana

      Ciao, grazie. ahahahahhah ti assicuro che il cane che ho in casa ha fatto la corte 3 settimane allo stanzino ahahahahahah Se avessi una casetta di legno …mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm produzione industriale. Comunque si, la lonza è l’arista di maiale. Un bacione e fammi sapere. Io ora sto facendo anche la coppa che da noi a Napoli , quando è essiccata, si chiama CAPOCOLLO. Ti aggiornerò. Baci baci

      • Francesca

        Rossana grazie
        Ho fatto la lonza adesso L appendo e poi ti dirò come sarà mangiandola! Sicuramente buona
        Ho messo sotto sale anche la coppa ( il capocollo) e farò anche questo mmmmm non vedo L ora di mangiarli

          • Ciao Salvatore. Il sale resta attaccato perché la carne è umida, poi man mano che si essicca , un po’ si assorbe e un po’, come dici tu, cade. Comunque io di solito metto un foglio di carta a terra
            Saluti e grazie
            Rossana

    • ricettedirossana

      Grazie Annamaria. Ti assicuro che c’è da impazzire, quindi credo che quello che farai non arriverà a Pasqua ahhahahahah. Baci

  2. Luciano

    Aiuto!!! ho seguito la ricetta ma la lonza risulta leggermente salata. Buona comunque, ma se qualcuno può suggerirmi un accorgimento per fare in modo che la prossima sia un po più dolce… Qesta la mangeremo con pane umbro.

    • ricettedirossana

      Ciao Luciano. Anche a me è risultato come diciamo noi a Napoli, “saporito di sale” ma gustoso. L’unica soluzione per scendere un po’ il sapore di sale potrebbe essere quella di ridurre un po’ il sale nella prima e nella seconda fase. In ogni caso, se può interessarti ti suggerisco anche questa altra ricetta , quella del capocollo essiccato. Il procedimento è lo stesso della lonza, è diverso solo il taglio di carne. http://blog.giallozafferano.it/ricettedirossana/capocollo-essiccato-salume-fatto-casa/
      Saluti e grazie, Rossana

  3. Carmine Pini

    Vorrei sapere come si fa per tenere lontano la mosca e le uova che possono depositare sulla carne in stagionatura? Grazie

    • Ciao Carmine, io ho risolto il problema mettendo intorno (non attaccato, però) della carta forno, lasciando aperta la parte di sopra e di sotto in modo da coprirla ma lasciando arieggiare la carne.
      Fammi sapere
      Grazie, Rossana

      • Giovanni

        Io ho un’altra ricetta che risolve il problema e tra l’altro non richiede nemmeno un ambiente fresco all’aperto.
        Prendi un’arista da 1 -1.2 kg; prepari una mescola di sale e zucchero (450gr – 750gr); in un contenitore di vetro ermetico immergi completamente l’arista nella mescola e lo lasci in frigorifero per 4 giorni in modo che perda i liquidi; togli l’arista e la sciacqui nel vino bianco e la asciughi completamente; prepari un misto di erbe aromatiche secche + poco pepe + poco peperoncino + bachhe di ginepro sciacciate; massaggi l’arista con questo misto; avvolgi l’arista e il misto in un foglio di carta paglia e poi lo leghi con lo spago; mettilo poi in frigo per 10 giorni.
        Poi goditela tagliando a fette con il coltello e condendole con un filo di olio d’oliva e un pizzico di misto erbe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*